+ + +     Gianni    Ricordo: Gianni Rapelli ist gastòrbet    + + +     Gianni    Ricordo di Gianni Molinari    + + +     Gianni    Dar ünsar liibar kséll Gianni Molinari ist gastórbet    + + +     Baposte    Benedikt XVI. ist ganaamet Gaheertar Ksell   

© 1997
Oliver Baumann •
Ermenegildo Bidese

Medien: Video - TV (media: television):
1. Zimbar Earde (KIL) - 2. Remigios Kanal - 3. Zimbar Video4. Cimbri-Reihe RAI - 5. Die Plodar -
6. Lusérn 28.07.1914-2014 - 7. Lusérn Euregio ß7.2014 - 8. I Cimbri di Giazza 1941 - 9. Lusérn: A stutkardar Zimbar

 

1. Zimbar Earde (KIL).  
  Wöchentliche Zimbrische Tagesschau von der KIL Redatziong - Lusérn. Aktuell ***  
  KIL Redatziong
  Zimbrische Tagesschau bei KIL Aktuell  
  Zimbrische Tagesschau Archiv KIL Aktuell  
  Zimbrische Tagesschau auf CKB -
  Zimbrische Tagesschau auf Youtube Aktuell
       
2. Remigius Geisers Filmsammlung    
  Kanal auf Youtube    
       
3. Zimbar Video    
  Kanal auf Vimeo    
  KIL    
  Questo canele è dedicato al progetto sulla comunicazione in lingua Cimbra   = zimbrisch
       
4. I Cimbri dei 7 Comuni.  
  Die ersten Filmberichte bei RAI und im deutschen Fernsehen über die Zimbern der 7 Gemeinden und die Hochebene  
  Nostalgie auf Youtube (rederiksleghe)
  I Cimbri dei 7 Comuni 1ª Parte ~1970
  I Cimbri dei 7 Comuni 2ª Parte ~1970  
  I Cimbri dei 7 Comuni 3ª Parte ~1980  
  I Cimbri dei 7 Comuni 4ª Parte ~1980  
  I Cimbri dei 7 Comuni 5ª Parte ~1980  
       
5. Die Plodar (Belluno/Belun/Beilun, Vèneto).  
  Die Sprachminderheit Die Plodar  
  TV-Dokus
  [Südtirol Heute] Sprachminderheit Die Plodar (Video) Fr, 16.05.2014 18.30 Uhr 04:38 Min - ORF TV-Thek

Download - Play
 
2014
  [Erlebnis Österreich] Plodar - deutsche Sprachinsel in den Bergen Bellunos (Video) So, 18.05.2014 16.30 Uhr 23:15 Min - ORF TV-Thek

Download - Play
 
2014
  [Evi Keifl] Die Plodar – Deutsche Minderheit sucht Zukunft (Video), Premiere 18.09.2012, Auszug 1:33 Min -

Download - Play - Play2 - Play3
2012
       
6. Lusérn 1914-2014 (RAI)    
  Tagesschau 10 nach 10, 28.07.2014- DOWNLOAD    
  Tagesschau 10 nach 10, 28.07.2014- ARCHIV RAI    
  TG Regionale RAI Südtirol    
  Hundert Jahre nach dem Ausbruch des ersten Weltkriegs, widmet die deutschsprachige Ausgabe der Regionalzeitung von RAI eine Reportage der zimbrischen Sprachinsel Lusérn, die sich genau auf der Grenzlinie befand zwischen dem österreichisch-ungarischen Reich und dem Königreich Italien. Lusérn gehörte damals zu Österreich. Luigi Nicolussi Castellan, Präsident des Centro Documentazione Luserna (Dokumentationszentrums) berichtet von dem Wahnsinn des Krieges und der erzwungenen Auswanderung nach Böhmen.   = zimbrisch
       
7. Lusérn: Zimbrische Sprachinsel in der Europaregion. Ort des Monats Juli 2014. Talgemeinschaften der Zimbrischen Hochebenen (TN)    
  Lusérn: Zimbrische Sprachinsel in der Europaregion- DOWNLOAD    
  Lusérn: Zimbrische Sprachinsel in der Europaregion- Euroregion mit Bericht    
  Lusérn: Zimbrische Sprachinsel in der Europaregion- Youtube    
  Lusérn: Zimbrische Sprachinsel in der Europaregion- 1080.plus    
  Team der Europaregion    
  Das Team der Europaregion hat das 280 Seelendorf Lusérn besucht, eine deutsche Sprachinsel mitten im italienisch-sprachigen Trentino. Genauer gesagt wird hier zimbrisch gesprochen, eine dem Südbayrischen zuerkannte Dialektgruppe. Das Zimbrische ist vor etwa 1.000 Jahren als südwestbayerische Mundart    
     
8. Giazza 1941    
  I Cimbri di Giazza. Bruno Schweizer e Alfred Quellmalz  lùugan 2012/1941  
  I Cimbri di Giazza 1941 Video    
  Vittorio Zambaldo 07.03.2012    
  «Di usarn alten hen khôut ge benje sain aaber kxein dia aaltan ssimbri...»  «I nostri vecchi raccontavano che quando vennero giù i vecchi cimbri, giungendo qui in questi monti, essi si governavano da sé, come la Repubblica di San Marino. Essi pagavano soltanto tra tutti un po' di denaro al vescovo di Verona. Non pagavano nient'altro, né per la terra né per altre cose. E si davano la loro legge e punivano da sé coloro che non la rispettavano. Tutti erano liberi».  È l'inizio di un racconto che il dialettologo bavarese Bruno Schweizer raccolse in lingua cimbra a Giazza negli anni Trenta del Novecento e poi in una spedizione di ricerca nella primavera del 1941. Sono parole che nelle orecchie di Schweizer devono essere risuonate come melodia, perché il ricercatore era in quei posti, quando su altri fronti si combatteva una guerra disastrosa, con il compito problematico di essere inquadrato dal 1 dicembre 1937 nella SS-Ahnenerbe (letteralmente: eredità ancestrale) fondata nel 1935 dal comandante in capo Heinrich Himmler, da Richard Darré ed Hermann Wirth e il cui compito, secondo il primo comma dello statuto del 1939, consisteva «nell'indagare l'ambiente, lo spirito, l'opera e l'eredità dell'indogermanesimo di razza nordica, nella viva strutturazione e attualizzazione dei risultati della ricerca e nella loro trasmissione al popolo». Sempre secondo la statuto del 1939 la ricerca sull'«indogermanesimo di razza nordica» avrebbe dovuto avvenire «con l'utilizzo di metodi esatti e scientifici». «Quale organizzazione delle SS, l'Ahnenerbe era permeata dall'ideologia nazionalsocialista, la sua attività era caratterizzata da un profondo disprezzo della dignità umana.  Il suo compito era fornire alla teoria delle razze del Nazionalsocialismo una presunta fondazione scientifica», scrive lo studioso Ermenegildo Bidese, ricercatore di linguistica tedesca all'università di Trento, autore del volume Das Zimbrische von Giazza (I Cimbri di Giazza), edito da Studienverlag di Bolzano e che sarà presentato oggi alle 17,30 alla biblioteca universitaria Frinzi di Verona (via San Francesco 20), da Alessandra Tomaselli, docente di linguistica tedesca e preside della facoltà di lingue e letterature straniere all'università di Verona e da Stefan Rabanus, docente di linguistica tedesca, nello stesso ateneo. È da dimostrare che ci sia stata un'adesione ideologica di Schweizer ai principi della SS-Ahnenerbe: sebbene incarcerato dagli Alleati per un anno, alla fine del conflitto, non risultò mai iscritto al partito nazionalsocialista né membro delle SS, ma dovendo ricoprire un ruolo all'interno dell'organizzazione di studiosi, gli fu riconosciuto il grado di Unabkömmlich, cioè «indispensabile», che mantenne per tutta la durata del conflitto. Nel trasferimento in Sud Tirolo, con l'incarico di redigere una geografia dei dialetti tirolesi, si allontanò dalla provincia di Bolzano pare per divergenze con i colleghi e fu questa anche l'occasione dei suoi viaggi e dei suoi studi sulla minoranza linguistica cimbra del Veronese. Vagheggiò l´idea di una «Repubblica autonoma cimbra», con capitale Asiago, che ripristinasse i privilegi della Serenissima a favore dei cimbri, come custodi dei confini a nord della Repubblica e cercò, tuttavia senza grandi esiti, di far liberare i detenuti cimbri dei campi di concentramento nazisti. Comunque il suo lavoro resta fondamentale, al di là dell'ideologia aberrante che gli ha permesso di continuare a esercitare la sua missione di studioso anche in anni difficili, ed è una miniera ancora da esplorare, come testimonia questa parziale pubblicazione delle sue opere con inediti brani registrati e un video che da oggi è sul sito web del nostro giornale. «Alla fine della guerra tutto quanto era stato in qualche modo compromesso dal Nazionalsocialismo non godeva di una buona luce», ammette Bidese, «e solo ora, a settant'anni di distanza possiamo dar vita a materiale che è unico per i cimbri, ma raro anche nell'ambito delle minoranze linguistiche». Al volume che raccoglie la trascrizione di 150 brani fra racconti e canti, solo 80 dei quali già pubblicati da Schweizer nel 1939, è allegato un Dvd con 26 registrazioni di parlato in cimbro, otto canzoni in cimbro e una in italiano eseguite da un gruppo di donne di Giazza, 81 fotografie e un filmato muto di tre minuti e mezzo pubblicati per la prima volta. «Con questa pubblicazione riporto a Giazza quanto la scienza ha preso oltre mezzo secolo fa e mi auguro che questo materiale serva a costruire un monumento virtuale alla lingua cimbra che sta scomparendo», conclude Bidese
     
9. Lusérn: A stutkardar Zimbar 2019  
  Zimbar Video  lùugan    
 
Armin un Anne Sophie Cont.
Un cimbro di nascita, una cimbra di adozione, due cimbri di Germania.
   
       
       
      = zimbrisch
       
***      
Vi informiamo che da oggi, sabato 3 marzo 2018, il programma televisivo settimanale “Zimbar Earde” di Luserna/Lusérn (TN), verrà trasmesso anche in Veneto attraverso il canale TVA Vicenza:
- 1° uscita il sabato alle 23:00;
- 2° uscita la domenica alle 13:45 circa.
Non solo sul web quindi, ma anche in TV sarà possibile seguire l’attualità, le attività culturali, turistiche, sportive, naturalistiche, le notizie di storia e le tradizioni della comunità di Luserna, con uno sguardo rivolto anche verso gli altipiani cimbri dei Sette Comuni vicentini e dei Tredici Comuni veronesi.

Barzégan-zich / Arrivederci
 
 
 Bei technischen Problemen könnt ihr euch beim Webmaster melden. Wir helfen gerne.
 

 

   + + +     Eventi Alpe Cimbra    + + +     Eventi Altopiano    + + +     Eventi Lessinia    + + +     Eventi Alpe Cimbra    + + +     Eventi Altopiano    + + +     Eventi Lessinia    + + +     Eventi Alpe Cimbra    + + +     Eventi Altopiano   

Nach oben